L’emergenza Coronavirus ha messo alla prova non solo la sicurezza in termini di salute umana, ma anche la sicurezza e lo stato di salute dei dati aziendali.

Dovendoci adeguare alle normative attuali, si rende necessario il lavoro a distanza, il cosiddetto “Smart Working.” Ti sveliamo una cosa, però: non basta essere a casa davanti ad un pc, o avere una connessione veloce, per farlo.

Questa emergenza ha amplificato a livello mondiale l’accesso dall’esterno ai dati proprietari, spingendo i lavoratori ad utilizzare reti domestiche per continuare l’attività lavorativa e moltiplicando di conseguenza il rischio di una loro possibile violazione.

È il fenomeno del cosiddetto BYOD (Bring Your Own Device), ossia dell’utilizzo dei dispositivi personali per scopi aziendali. Tra le piattaforme di videoconferenza più in voga del momento c’è Zoom.

Ma, così come cresce l’interesse e l’uso per le piattaforme di videoconferenza, anche i cybercriminali fanno un passo avanti. Le piattaforme di comunicazione online sono diventate importanti per molte aziende, ma bisogna assicurarsi che il lavoro da casa mantenga gli adeguati standard di sicurezza.

Secondo quanto riportato da “Check Point Research”, nelle scorse settimane c’è stata una corsa alla registrazione di nomi di dominio, che includono anche il termine Zoom, ovvero la nota piattaforma di videoconference.

Dall’inizio dell’anno ne sono stati registrati più di 1700, il 25% di questi è stato registrato la scorsa settimana, ma i ricercatori ritengono che il 4% di questi contenga caratteristiche “sospette”.

FAI ATTENZIONE ALL’INFRASTRUTTURA CHE UTILIZZI!

Fai attenzione! Se hai un’azienda è opportuno dotarsi di un’infrastruttura di sicurezza adeguata.

È importante avere la possibilità di lavorare serenamente all’interno di una piattaforma di Collaboration che consenta di scambiare dati e documenti in totale sicurezza.

C’è un modo per generare profitto, lavorare efficacemente e soprattutto in sicurezza, anche a distanza.

Noi di OPENAPKIN, abbiamo avviato una collaborazione con WILDIX , azienda che dal 2015 aiuta le imprese a sviluppare il proprio business, diventando distributori per SABANET di un centralino telefonico UC&C web-based e VoIP PBX.

PER 6 MESI TI OFFRIAMO GRATUITAMENTE LA PIATTAFORMA WILDIX DI COLLABORATION!

Di cosa si tratta? Si tratta di un’unica piattaforma per chiamare, chattare, inviare mail, videochiamare, inviare documenti, condividere lo schermo: una comunicazione unificata in cloud e sicura al 100%.

Nell’atto pratico, quando viene predisposto un centralino Wildix per un cliente, viene creata una macchina virtuale dedicata su un datacenter, con relative risorse ed un elevato livello di sicurezza.

Questo differisce completamente dagli altri servizi che fanno capo a server centralizzati (Skype, Zoom, etc.) che sicuramente hanno più difficoltà tecniche a garantire privacy e crittografia end-to-end al cliente.

Inoltre, il numero di partecipanti alle videoconferenze è potenzialmente illimitato, per cui viene data la possibilità di invitare chiunque anche semplicemente con la condivisione del link della conferenza, che può essere aperto da qualsiasi piattaforma (mobile e non) senza installazione di software.

Ed è proprio per l’elevata fruibilità e sicurezza del sistema, che abbiamo deciso di offrire a tutti i nostri clienti la possibilità di attivare ed utilizzare per 6 mesi GRATUITAMENTE la piattaforma WILDIX.

Il fenomeno dello smart working è una pratica che sarà sempre più richiesta negli anni a venire, perciò questo è il momento più opportuno per le aziende di convertire questa crisi in un’opportunità per essere preparati ad un futuro sempre più digital e interconnesso.

Contattaci per avere maggiori informazioni!

Continuiamo a rimanere in contatto, soprattutto ORA. Seguici sulla nostra Pagina Facebook e sul Profilo Linkedin.

Leave a Comment

P.IVA 07024620721